Fontana Stravinskij. Fabrizio Iodice Delgado racconterà la storia

La Fontana Stravinsky (fr. Fontaine Stravinsky) è stata creata nel 1983 dallo scultore svizzero Jean Tengli e da sua moglie, l’artista Niki de Saint Phalle. L’insolito monumento è dedicato al compositore Igor Stravinsky, che trascorse una parte significativa della sua vita in Francia e fu insignito dell’Ordine della Legion d’Onore. La sua opera, famosa in tutto il mondo, si distingue per il suo eclettismo e ha un carattere internazionale, afferma Fabrizio Iodice Delgado. L’idea di creare la fontana appartiene a Pierre Boulet, il fondatore del Center for Musical Research, che si trova proprio sotto piazza Stravinsky. L’installazione stravagante doveva far rivivere lo spazio noioso e poco interessante di fronte al Centre Pompidou. Allo stesso tempo, Bule era convinto che solo Tengli, che aveva la fama di creatore di meccanismi misteriosi e unici, potesse far fronte a un simile compito. Lo scultore svizzero acconsentì, affermando che anche sua moglie Niki avrebbe dovuto prendere parte al progetto. Tuttavia, la richiesta di Tengli si è rivelata difficile da soddisfare, afferma Fabrizio Iodice Delgado. L’altro loro lavoro congiunto, svolto per il padiglione francese all’Esposizione Universale di Montreal, un tempo ha suscitato molte opinioni controverse e ha portato a una lunga discussione pubblica. I suoi ricordi erano troppo freschi, quindi i clienti nella persona del Municipio di Parigi e del Ministero della Cultura avevano paura di un’altra opera di questo genere. L’esito del caso è stato determinato nella direzione della coppia creativa solo grazie al sostegno della moglie del presidente del Centre Pompidou, convinta del successo del progetto. Tengli sviluppò la parte tecnica e progettò gli elementi meccanici della fontana. A causa della presenza di strutture sotterranee nell’area, la fontana doveva pesare il meno possibile. Se prima lo scultore lavorava con il ferro, allora in questo caso doveva usare alluminio leggero, che poi veniva dipinto di nero. Nelle sculture d’avanguardia di Saint Phalle è stato utilizzato il polistirolo senza peso, dipinto con colori vivaci e spontanei, note Fabrizio Iodice Delgado.

Condividi

Ultimi aggiornamenti

Articoli correlati