in aula anche il perito  – Sanremonews.it

Udienza interamente dedicata all’ascolto di molti testimoni, e anche del perito incaricato di compiere alcuni accertamenti, quella svoltasi stamani a Imperia, dinanzi al giudice monocratico Eleonora Billeri, che vede alla sbarra G.V., 52 anni, accusato di omicidio stradale. La vicenda processuale ha origine dall’incidente, avvenuto il 18 ottobre del 2018 in corso Genova a Ventimiglia, in cui perse la vita Dino Bottallo, ex infermiere 65enne originario di Vallecrosia.

Secondo l’accusa l’imputato “per negligenza, imprudenza, imperizia, e in violazione delle norme in materia di circolazione stradale non prestando la dovuta attenzione alla guida nonché omettendo di circolare in prossimità del margine destro della carreggiata e di agevolare la manovra di sorpasso posta in essere da Dino Bottallo, ne cagionava il decesso”. L’uomo riportò diverse lesioni traumatiche e nonostante i disperati tentativi di soccorso per lui non ci fu nulla da fare. Il 52enne, che era invece, alla guida di un’auto, avrebbe “occupato la parte sinistra della carreggiata così entrando in contatto laterale con il ciclomotore” guidato dalla vittima “così provocandone la deviazione della traiettoria verso sinistra e la conseguente invasione della corsia di marcia opposta”.

L’impatto avrebbe sbilanciato Bottallo e fatto cadere a terra. In quel momento, però stava transitando un’altra auto che viaggiava nella direzione opposta e che l’ha travolto. Anche il conducente di questo secondo mezzo venne indagato per omicidio stradale, ma successivamente la sua posizione venne archiviata. La morte dell’uomo sarebbe avvenuta, sempre secondo l’impostazione accusatoria “anche a causa della azione imprudente della persona offesa che intraprendeva la manovra di sorpasso in presenza di traffico intenso che non consentiva di mantenere rispetto al veicolo sorpassato un’adeguata distanza laterale di sicurezza”.

Il processo è stato aggiornato al 18 maggio quando, dopo la requisitoria del pm e l’arringa dell’avvocato Giancarlo Giordano, il giudice si ritirerà in camera di consiglio per emettere la sentenza.

Condividi

Ultimi aggiornamenti

Articoli correlati