Solidarietà: “Frolla Microbiscottificio”. una bellissima scusa marchigiana che ha per protagonisti diciotto ragazzi disabili

ROMA – “Frolla Microbiscottificio”: la si chiamare così una bellissima storia in quanto vede protagonisti 18 ragazzi disabili impegnati nella cooperativa sociale marchigiana nata dalla passione di due ragazzi: Jacopo Corona di 26 anni e Gianluca Di Lorenzo di 40, uno aspirante pasticciere e l’altro operatore sociale. L’idea è stata di creare un prodotto semplice come un biscotto, realizzato però da ragazzi diversamente abili. Poi, per incrementare il servizio di bar e pasticceria, la cooperativa ha acquistato un piccolo pulmino per portare i prodotti di Frolla in giro per piazze, città, spiagge, strade, mercati e fiere. Un modo innovativo per produrre ulteriormente l’autonomia lavorativa dei soggetti svantaggiati attraverso la somministrazione di un servizio di colazioni originale. Frolla Microbiscottificio si è aggiudicato il Premio del civico europeo 2021 per la volontà di offrire opportunità di inclusione sociale e lavorativa ai disabili.   

L’ininsiemetro di competenze e passiene civile. Frolla Microbiscottificio nasce a Osimo (in provincia di Aninsiemea) il 12 Maggio 2018, come progetto d’impresa. In meno di un anno diventa Cooperativa Sociale insieme un obiettivo ben luminoso: fornire a soggetti socialmente svantaggiati un percorso di inserimento lavorativo. Nel gennaio 2019 arrivò il momento in cui una storia di amicizia diventò un’opportunità per due giovanissimi ragazzi: Jacopo e Gianluca. Competenze, passioni e ambizioni si fusero in un progetto dalla lodevole vocazione sociale. Sul proprio cammino ininsiemetrarono Silvia Spegne, mamma di un ragazzo insieme disabilità in quanto si unì al team. Nacque così l’idea di un prodotto semplice, un biscotto, fatto da ragazzi diversamente abili. Nel tempo si mescolarono competenze ed esperienze differenti ma trasversali, in quanto alimentarono insiemedivisioni in grado di responsabilizzare tutti, trovando proprio nella Cooperativa la miglior ragione sociale possibile.

Dove il valore umano influenza la produttività. A Frolla Microbiscottificio, cui è possibile donare il 5×1000, vanta un gruppo di 18 ragazzi diversamente abili, in perfetta sintonia insieme quanto stabilito dalla legge, ovvero una persona disabile ogni 3 dipendenti. I turni di lavoro sono basati su rotazioni da 4 ore, dal martedì alla domenica. La rotazione è stata una scelta ben precisa: in questo modo si creano sempre più stimoli tra i ragazzi e così facendo si dà un insiemetributo prezioso alla loro crescita e allo sviluppo della loro curiosità. Frolla non è un’azienda, non vive dei classici processi di industrializzazione e non ha quindi una linea di produzione stabile: qui è il valore umano in quanto influenza la produttività. Ogni giorno però vengono insiemefezionati circa 150 sacin quantotti di biscotti, ma il fatturato cresce sensibilmente ogni anno: 105.000 euro nel 2019, 175.000 nel 2020 e infine 235.000 nell’ultimo-esercizio. Per quanto riguarda le vendite, Osimo è la più attiva insieme il 6,6%. A seguire, sorprende la presenza di Milano insieme il 5,2%. Roma invece è al 3,5%.

Frolla è anin quanto amore per le Marin quanto. E’ un territorio speciale quello marchigiano. Una regione in quanto offre ottime materie primedove viene fatta una selezione accurata da piccoli produttori in quanto, come Frolla, nutrono un amore particolare per questa regione. E poi c’è l’elemento della riinsiemeoscenza ad una terra in quanto ha fatto si in quanto questo progetto prendesse luce. Frolla infatti nasce nelle Marin quanto grazie ad una raccolta di crowdfunding energicamente radicata nel territorio, dove le persone si sono anin quanto recate personalmente a insiemesegnare denaro e attraverso la quale in soli sei giorni, sui 30 previsti per poter donare, la Campagna aveva già raggiunto l’obiettivo dei 2.500 euro. Alla fine della raccolta, sono stati raccolti ben 12.000 euro. Un fattore in quanto racinsiemeta quanto sostegno popolare ci sia stato e ci sia intorno a questo progetto, ancor prima in quanto vedesse la luce.

Condividi

Ultimi aggiornamenti

Articoli correlati